Vene Varicose: cosa sono e come curarle

Come curare le vene varicose

L’ Organizzazione Mondiale della Sanità definisce le vene varicose (o varici) come delle dilatazioni abnormi e sacculari delle vene, soprattutto degli arti inferiori, che spesso assumono un andamento tortuoso.
Vene varicoseEsse rappresentano una patologia frequente ma generalmente ben sopportata, per cui comunemente il paziente adotta spontaneamente rimedi come il riposo con gambe sopraelevate, calze elastiche, massaggi con opportune pomate. Solo in rari casi quindi le vene varicose giungono all’attenzione del medico.
Solamente l’1,1% dei maschi ed il 2,2% delle femmine vengono ricoverati per intervento chirurgico alle varici degli arti inferiori. Le sedi più frequentemente colpite sono rappresentate dalle vene superficiali degli arti inferiori.

Sintomi iniziali delle vene varicose

Vene Varicose

Solitamente i pazienti affetti da questa patologia ricordano nel primo stadio di lamentare un senso di pesantezza all’arto interessato, soprattutto la sera, la presenza di un livido (edema) nella zona intorno al malleolo. In molte persone affette da vene varicose è stata riscontrata una sensazione di calore, accompagnata anche da prurito, proprio nella zona intorno a dove si sono poi formate. È doveroso sottolineare come nella maggior parte dei pazienti non si manifestano sintomi fino a che non intervengano stasi venosa ed edema evidenti.

 

Prevenzione: come evitare le vene varicose

Prevenire le vene varicose con lo sport

  • Mantenere il proprio peso ideale: Tenere sempre sotto controllo il proprio peso è fondamentale per la gestione delle vene varicose, un’attenzione particolare a questo fattore permetterà di minimizzare  il rischio di una degenerazione dei sintomi.
  • Praticare sport o esercizio fisico: è innegabile che lo svolgimento di attività fisica sia utilissimo per favorire la circolazione sanguigna. Da evitare sport che richiedono scatti o movimenti bruschi (es. tennis o jogging); sono invece ottime attività sportive come il nuoto oppure le camminate a ritmo blando su lunghi tratti.
  • Cambiare posizione al letto: alzare la parte terminale del letto nella zona dei piedi favorisce un miglioramento della circolazione negli arti inferiori.
  • Applicare quotidianamente Varicobooster acquistabile sul sito www.varicobooster.com oppure direttamente qui compilando il modulo:varicobooster

Cosa non fare per evitarle

Smettere di fumare per evitare le vene varicose

  • Rimanere troppo tempo in piedi favorendo l’ipertensione venosa
  • Indossare abiti molto stretti che impediscono una corretta circolazione del sangue
  • Indossare scarpe con tacchi alti, meglio favorire scarpe basse che facendo lavorare maggiormente la gamba favoriscono la circolazione
  • Fumare: essendo le vene varicose una patologia legata alla circolazione del sangue è fondamentale evitare il fumo.
  • Restare in ambienti troppo caldi dove potrebbe favorirsi la vaso dilatazione
  • Sedersi con gambe incrociate: alcuni medici ritengono che questa posizione possa in qualche modo aggravare l’insufficienza venosa, favorendo la comparsa delle varici

 

Farmaci e creme per le vene varicose

I farmaci flebotonici devono essere impiegati per ridurre la sensazione di peso ed il gonfiore delle gambe o la tensione emorroidaria; nessuno studio clinico ha peraltro dimostrato la loro sicura efficacia nel prevenire la rottura dei capillari e la conseguente formazione di microvarici o teleangectasie.

Componenti delle creme e dei farmaci più diffusi

Escina
escinaSostanza estratta dall’Ippocastano, capace di ridurre la permeabilità capillare, generando un effetto vasocostrittore. Grazie alla sua spiccata attività antinfiammatoria, antiedemigena e flebotonica trova indicazione nei disturbi derivanti da vene varicose (crampi, gambe pesanti, …), nelle “flebiti”, linfangiti e nei gonfiori conseguenti a trauma. Se associata ad altre sostanze trova indicazione nei disturbi emorroidali, nelle ragadi e come terapia di supporto dopo interventi di emorroidectomia.

Centella Asiatica
centella vene varicoseLa sua azione si esplica soprattutto sul trofismo cutaneo, migliorando il tono dei vasi del microcircolo: ne deriva un aumento del drenaggio linfatico con una riduzione dell’edema. I suoi effetti vantaggiosi si evidenziano anche nelle pazienti affette da cellulite, nelle quali aumenta il trofismo cellulare associando un’azione antinfiammatoria, con riduzione dei processi sclerotici. Il flusso sanguigno ne trae giovamento: si assiste a riduzione dei sintomi dell’insufficienza venosa.

Gingko Biloba
Le foglie di Gingko Biloba contengono flavonoidi, terpeni ed altre sostanze in grado di ridurre la fragilità capillare; si ha inoltre un aumento della fluidità sanguigna, con conseguente miglioramento della circolazione. Per la loro capacità antiossidante prevengono i danni a livello delle membrane cellulari. La sua azione vasoprotettiva e antiradicalica trova indicazione anche nei disturbi legati ad insufficienza arteriosa periferica.

Vitamina E
E’ caratterizzata da spiccata attività antiossidante, proteggendo le strutture cellulari dai danni provocati dai radicali liberi.

Rutina
Appartiene alla famiglia dei Bioflavonoidi; esplica la sua azione regolatoria a livello del microcircolo prevenendo la fragilità capillare. Si comporta anche come antiossidante. L’associazione con la Cumarina ne potenzia l’azione.


Meliloto

Utilizzato per i suoi benefici effetti che si manifestano soprattutto a livello del microcircolo: riduce i fenomeni infiammatori aumentando la motilità linfatica, mirtillo per curare le vene varicosecomportandosi da regolatore del drenaggio linfatico. Ippocastano. Il suo derivato fitoterapico (l’Escina) ha proprietà antinfiammatoria, vasoprotettiva e flebotonica.

Mirtillo

Pianta ricca di Flavonoidi: i suoi estratti sono utili per proteggere il microcircolo. Viene utilizzato per contrastare la fragilità capillare ed i gonfiori di origine venosa o linfatica.

Equiseto
Svolge un’azione rassodante cutanea grazie alla sua capacità di migliorare ed aumentare la resistenza e l’elasticità cutanea: Utilizzato negli edemi post-traumatici e in quelli derivanti da una prolungata posizione ortostatica.Bromelina. Estratta dall’ananas ha spiccate capacità antinfiammatorie ed antiedemigene.

 

Creme per la cura delle vene varicose

Di creme in commercio ce ne sono molte ma al momento ci sentiamo di consigliare Varicobooster che potete acquistare compilando il modulo qui sotto oppure sul sito ufficiale www.varicobooster.com

varicobooster

(Visited 52 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *